Nelle segreterie già a corto di personale, strangolate tra organici e vaccini, piomba un’altra incombenza con termini di scadenza brevissimi scaricando l’INPS da compiti suoi propri per affidarli impropriamente alle scuole. La nota MIUR 4644 del 1 febbraio 2019 recepisce le disposizioni in materia di pensione anticipata assegnando alle segreterie l’attività necessaria e propedeutica all’aggiornamento delle posizioni assicurative del personale scolastico volte alla certificazione da parte dell’INPS del diritto a pensione.

Tale attività è necessaria e propedeutica al completamento della posizione assicurativa, finalizzata alla certificazione, da parte dell’Inps, del diritto a pensione. Ciò premesso, sulla base dei recenti accordi condivisi fra i vertici dell’Istituto e quelli del MIUR, per i pensionamenti scuola anno 2019, gli Ambiti territoriali provinciali del MIUR o le Istituzioni scolastiche dovranno utilizzare,esclusivamente,l’applicativo nuova Passweb, che è lo strumento di scambio di dati fra l’Istituto e le pubbliche amministrazioni. Si precisa che le posizioni dovranno essere progressivamente sistemate entro la data ultima del 31 marzo 2019..

Questa attività  deve essere svolta solo attraverso il famigerato applicativo Passweb di cui si è tanto sentito parlare ma che in realtà nessuno conosce in quanto non è mai stato predisposto dal MIUR un piano di formazione. La scadenza? Niente paura….c’è tempo: il 31 marzo 2019! Ormai sembra radicata la convinzione che Dirigenti, DSGA, ATA debbano lavorare di notte! Si tratta di adempimenti complessi e delicati che incidono fortemente sulle posizioni individuali del personale e che devono essere portati a termine dall’ente che ne ha la competenza e ha al suo interno le  professionalità formate. Dirigentiscuola ha più volte espresso con forza il proprio dissenso nei confronti di questo continuo sovraccarico di lavoro su un numero esiguo di assistenti amministrativi  e ha sollevato il problema della mancanza di DSGA nelle scuole arrivando anche a interessare i prefetti come recentemente è stato costretto a fare il Presidente di DIRIGENTISCUOLA della regione Toscana.

Nell’incontro del 15 u.s. tra il Presidente Fratta e l’Ufficio di Gabinetto del Miur, del quale sarà pubblicato apposito comunicato, si è parlato anche delle continue molestie burocratiche, come quella che ci occupa.