La delegazione CODIRP, come annunciato, in data 7 u.s., ha incontrato il Capo di Gabinetto della F.P. per un’analisi sui problemi della dirigenza. In allegato il documento con  i problemi più immediati e urgenti della dirigenza scolastica. Nell’illustrarli il segretario Fratta ha evidenziato che trattasi di EMERGENZE che non possono più essere rimandate. In primis il problema sicurezza. Il Governo deve intervenire per modificare il d.Lvo 81. Nelle more se non sarà sospeso l’obbligo delle certificazioni, i dirigenti scolastici proporranno la chiusura delle scuole o le chiuderanno loro stessi in presenza di inadempienze degli enti locali, specie se gli edifici non sono sicuri. I dirigenti scolastici non possono e non devono essere responsabili, sanzionati o condannati per inadempienze altrui.

In vista della ripresa o inizio delle trattative per il rinnovo del CCNL, Fratta ha pressantemente e insistentemente chiesto l’integrazione dell’ atto d’indirizzo già inviato all’ARAN affinché si attenga al tenore letterale e alla ratio della legge 205/17: le risorse, comunque inadeguate per allineare la retribuzione dei dirigenti scolastici, benchè stanziate per gli anni 18-20, devono valere per il triennio di validità del CCNL: 2016-2018.  Contrariamente verrebbero scippati altri due anni. 

Incontro molto costruttivo conclusosi con la richiesta di collaborazione da parte del Capo di Gabinetto che ha assicurato interesse e impegno alla soluzione dei problemi a partire dai più urgenti.