Dopo ore di discussione sulla parte normativa e sulla parte economica alle ore 22,30 la trattativa è stata sospesa e aggiornata alle ore 15 di oggi.

Dirigentiscuola ha insistito per migliorare la parte normativa in termini di tutela della categoria al fine di neutralizzare disinvolte interpretazioni dei direttori degli UU.SS.RR., in specie per quanto concerne le sanzioni disciplinari e la sospensione facoltativa dal servizio.

Ha, inoltre, insistito per allargare la mobilità interregionale e sottrarla alla gestione eccessivamente discrezionale, per non dire arbitraria, dell’Amministrazione.

Per la parte economica non è ancora chiaro se la perequazione di posizione di parte fissa sarà conseguita nel vigente triennio contrattuale oppure avrà una coda nel prossimo triennio, che, invece, dovrebbe realizzare la perequazione di parte variabile e, non meno, quella di risultato: semmai si riuscisse – cosa alquanto problematica  per l’opposizione delle sigle generaliste – a mettere in piedi, dopo un ventennio, un dispositivo snello della valutazione dirigenziale centrata sul conseguimento degli obiettivi e dei comportamenti organizzativi e non già replicante i soliti caravanserragli eternamente sperimentali per il miglioramento continuo.

Dirigentiscuola si riserva di valutare la complessiva proposta negoziale, che nella giornata dovrebbe essere messa definitivamente a punto dall’ARAN, prima di appore la sua firma all’ipotesi del CCNL.