L’ARAN ha convocato per il 27 p.v. alle ore 10 le confederazioni per “una riunione sul tema in oggetto”, ossia “stagione contrattuale 2016-2018”.

Dopo 8 anni si inizia a parlare di rinnovo del CCNL!

Dovremmo festeggiare   e magari ringraziare per la grazia ricevuta. Non lo facciamo, anzi ci irritiamo.   Dobbiamo pensare che la Madia e la Fedeli non si parlano, ovvero che la destra non sa quello che fa la sinistra?  Mentre la Fedeli organizza tavoli tecnici fino al 3 luglio + una plenaria in data ancora da stabilire, per acquisire elementi necessari da fornire alla Madia per l’emanazione dell’atto di indirizzo all’ARAN, quest’ultima convoca le parti sociali. Lo scenario diventa ancora più inquietante e preoccupante se aggiungiamo che, forse per sondare il terreno,  la bozza dell’atto di indirizzo sta già circolando, è già nella disponibilità degli addetti ai lavori,  ma nessuno l’ha pubblicata, nessuno l’ha commentata e nessuno  ne parla. Ci sarà pure un perché! DIRIGENTISCUOLA è riuscito ad averla solo ieri e non facilmente. Riteniamo  doveroso renderla pubblico convinto che la categoria ha il diritto di sapere cosa bolle in pentola e decidere come tutelarsi senza abbassare la guardia. Evitiamo ogni commento. Ci limitiamo solo a invitare la categoria a leggerla attentamente con coordinate politico-sindacali, anche per capire chi è perché non l’ha resa pubblica.