Come promesso il 13 dicembre 2018 DIRIGENTISCUOLA,  visto l’art.2, commi 4 e 5 del vigente CCNL, ritenuto che bisogna superare la deleteria prassi di rinnovare i contratti dopo la loro scadenza, disdice il vigente CCNL Area Istruzione e Ricerca 2016/18, firmato l’8/07/2019, contestualmente allegando la propria piattaforma programmatica. Chiosa il Presidente Fratta- “Bisogna porre fine a questo sistema scellerato per cui i CCNL si firmano sistematicamente dopo la scadenza. “L’azienda Stato” sta per assumere quasi 2000  dirigenti il 1/9/2019 che non sanno quale sarà il loro contratto. Quale sarà la mia retribuzione? Avrò diritto alla perequazione? Sono tutte domande legittime a cui DIRIGENTISCUOLA come unico sindacato di categoria dei dirigenti, che non ha conflitti d’interesse, intende dare una risposta”.

Siamo solo parzialmente soddisfatti del CCNL firmato l’8 luglio ritenendo significativo l’avvio della perequazione nella parte fissa e di posizione della retribuzione di posizione e la restituzione, entro cinque anni, al ruolo di provenienza e di istituzione della delega di funzione. Permangono criticità per l’impostazione restrittiva che è stata data alla trattativa sia in materia di disciplina sanzionatoria, che di affidamento degli incarichi dirigenziali e di mobilità interregionale e professionale”.

Si tratta solo del primo traguardo; significativo ma insoddisfacente: bisogna puntare ora all’allineamento completo della retribuzione a quella degli altri dirigenti di pari fascia. Obiettivo che si potrà raggiungere con il prossimo CCNL se la categoria lo vorrà

Documenti correlati

  • Disdetta del CCNL 2016/18 e piattaforma programmatica