In questi giorni i  candidati ammessi alla prova orale riceveranno comunicazione, esclusivamente a mezzo di posta elettronica all’indirizzo indicato nella domanda di partecipazione al concorso, del voto conseguito alla prova scritta (da 70 a 100 centesimi).  Per quanto riguarda i concorrenti non ammessi, viste le pressanti e legittime richieste, visti i numerosi tentativi in atto di lucrare  sulla delusione e lo sconforto di chi ha investito energie e tempo nella preparazione del concorso, DIRIGENTISCUOLA ha ritenuto opportuno rivolgersi direttamente al MIUR. I responsabili della procedura hanno assicurato che a breve sarà pubblicata una nota del Ministero con le indicazioni  necessarie per consentire ai non ammessi di  accedere al proprio elaborato evitando la presentazione della richiesta di accesso.  Attualmente sono pervenute oltre 2.000 richieste di accesso agli atti che aumentano di ora in ora con il rischio di intasare il sistema. Il Presidente Fratta ha ribadito: “ accedere al proprio compito è sacrosanto diritto di ogni concorrente; a scuola si consegnano i compiti a tutti i ragazzi e non solo a coloro che hanno raggiunto la sufficienza, non si comprende perché i docenti debbano ricevere un trattamento diverso e imbarcarsi in procedure complicate che non fanno bene a nessuno”