Il ministro Bussetti convoca, con procedura d’urgenza, le OO.SS. per il 23 p.v. alle ore12.30 per:

  • Avvio anno scolastico.
  • Vaccini

Era ora! Dopo richieste e solleciti finalmente il ministro convoca le OO.SS. rappresentative su due dei problemi che condizionano l’avvio dell’anno scolastico.

DIRIGENTISCUOLA, convinta che prevenire è meglio che curare, aveva chiesto un incontro, subito dopo l’insediamento del nuovo ministro, per avere contezza della linea del nuovo Governo e, soprattutto, per esporre i problemi della dirigenza scolastica oltre che della scuola. Incontro anche sollecitato!

Cosa che, in attesa della convocazione del Ministro, ha comunque fatto con l’Ufficio di Gabinetto avvertendo che se l’Amministrazione non avrebbe dato alcun segnale di riapertura dei tavoli della semplificazione – cosiddette molestie burocratiche, sicurezza, perequazione, valutazione, ecc.., –  ovvero di tutti quei tavoli avviati dopo il sit-in del 22-26 maggio 2017 e sospesi con la caduta del vecchio Governo, i dirigenti scolastici, il primo settembre, avrebbero consegnato le chiavi ai Prefetti perché la situazione è ormai insostenibile e i dirigenti non sono più disposti a gestire le scuole in queste condizioni: responsabilità infinite e retribuzione da pezzenti!

Il problema vaccini, di certo importante, non è l’unico problema della categoria e della scuola Italiana, ovvero non è e non deve essere un problema della categoria. E’ un problema della sanità. I dirigenti scolastici, come loro dovere, rispetteranno la legge senza strumentalizzazioni e senza …distrazioni estive!

Per tutta l’estate, per tenere la scena, si è parlato solo dei vaccini ovvero di autocertificazione SI o NO, peraltro a nome di tutta la dirigenza scolastica, anche se a cavalcare la tigre è stata solo una sigla sindacale che rappresenta poco più di 1/3 della dirigenza scolastica.

Il Ministro della salute Grillo avrebbe fatto bene a convocare tutte le OO.SS. Evidentemente o non so o non le è stato detto che le sigle rappresentative della dirigenza sono ben 6 e non tutte la pensano allo stesso modo. Sarà cura di DIRIGENTISCUOLA informare adeguatamente il Ministro della salute.

Il 23, quindi, DIRIGENTISCUOLA e ci si augura tutte le OO.SS. rappresentative, evidenzierà anche le altre problematiche a partire dalla sicurezza che è diventata prioritaria: il D.L.vo 81 deve essere modificato, se necessario, anche con procedura d’urgenza.

Idem per il rinnovo del CCNL valevole per il triennio 2016-2018 che, a 4 mesi dalla scadenza, non è stato ancora firmato…ed è tutto NORMALE! Come è NORMALE che un CCNL valevole per il triennio 2016-2018, preveda un allineamento della SOLA PARTE FISSA della retribuzione di posizione, spalmata sul 2018-2020: si firma (…forse prima della scadenza!) un CCNL e i pochi soldi si percepiranno entro il 2020, ossia entro i primi due anni del prossimo CCNL valevole per il triennio 2019-21!!  Un’altra strategia, da gioco delle tre carte, per ingannare i dirigenti scolastici, sperando di calmarli con la nuova magia! Evidentemente c’è ancora qualcuno che non ha capito che la categoria ha aperto gli occhi, ha iniziato a trovare un’ora al giorno anche per sé   e vuole recuperare la propria DIGNITA’ per anni calpestata soprattutto da chi avrebbe dovuto tutelarla.