LE LINEE GUIDA per il rinnovo del CCNL 2016/2018 della Dirigenza Scolastica, elaborate da DIRIGENTISCUOLA, rappresentano un punto di svolta per la risoluzione dell’emergenza salariale evidenziata nella LETTERA-APPELLO che DIRIGENTISCUOLA ha indirizzato alle massime Cariche dello Stato e sulla quale ha chiesto alla categoria di sottoscrivere una protesta Google Form  per  consegnarla al Presidente del Consiglio, unitamente alle firme, affinché possa prevedere nella legge di stabilità i fondi necessari per la perequazione retributiva, da non confondere con il rinnovo del CCNL.

Le linee guida (PIATTAFORMA CONTRATTUALE) non solo si connotano come un valido supporto alla protesta, ma sono anche finalizzate al rinnovo di un Contratto CNL su cui anche noi potremo dire la nostra, essendo ormai rappresentativi.

L’allegata PIATTAFORMA  va integrata con le rivendicazioni delle altre componenti della nuova AREA ISTRUZIONE E RICERCA, prevista dal CCNQ che ha ridotto le AREE da  8 a 4 ed i COMPARTI da 11 a 4. L’essere usciti dalla RISERVA INDIANA dell’ex-AREA V e l’aver incorporato nella nuova AREA tutta la dirigenza dell’ISTRUZIONE  e della  RICERCA apre nuovi scenari e prospettive per la perequazione retributiva, in quanto tutti gli altri dirigenti della nuova area, di seconda fascia come i dirigenti scolastici, percepiscono una retribuzione pari al doppio di quella dei Dirigenti scolastici.

Il Governo non avrà, quindi, più alibi e/o motivazioni per sostenere la gravissima sperequazione retributiva, essendo anche i Dirigenti scolastici Dirigenti di pari fascia e appartenenti alla medesima area contrattuale.