Vaccini: nessuna proroga alla scadenza del 10 marzo

Vaccini: nessuna proroga alla scadenza del 10 marzo

La richiesta del ministro Salvini di provvedere a un decreto per evitare l’espulsione da scuola dei bambini non vaccinati ha  scatenato un fiume di  polemiche. Una proroga dopo un’altra e così via annacquando sempre più la legge Lorenzin. A porre fine all’acceso dibattito è giunta la conferma del  ministero della Salute che non ci sarà nessun provvedimento urgente per estendere ulteriormente la possibilità di autocertificare le vaccinazioni e consentire così di rimanere a scuola ai bambini le cui famiglie non hanno ancora presentato la documentazione. DIRIGENTISCUOLA nel ribadire che occuparsi di salute pubblica non è compito dei  dirigenti scolastici auspica che queste incombenze vengano al più presto attribuite agli organi competenti.

Su richiesta dei dirigenti facciamo chiarezza sulla scadenza del 10 marzo

Anno scolastico 2018/19

La scadenza riguarda quei bambini i cui genitori hanno formalmente dichiarato all’inizio dell’anno scolastico di aver già effettuato le vaccinazioni per i quali la documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie deve essere presentata entro il 10 marzo 2019.

Anno scolastico 2019/20

  • I dirigenti scolastici delle istituzioni del sistema nazionale di istruzione ed i responsabili dei servizi educativi per l’infanzia, dei centri di formazione professionale regionale e delle scuole private non paritarie sono tenuti a trasmettere alle aziende sanitarie locali territorialmente competenti, entro il 10 marzo, l’elenco degli iscritti per l’anno scolastico o per il calendario successivi di eta’ compresa tra zero e sedici anni e minori stranieri non accompagnati.
  • Le aziende sanitarie locali territorialmente competenti provvedono a restituire, entro il 10 giugno, gli elenchi completandoli con l’indicazione dei soggetti che risultano non in regola con gli obblighi vaccinali, che non ricadono nelle condizioni di esonero, omissione o differimento delle vaccinazioni.
  • Nei dieci giorni successivi all’acquisizione degli elenchi i dirigenti delle istituzioni del sistema nazionale di istruzione e i responsabili dei servizi educativi per l’infanzia, dei centri di formazione professionale regionale e delle scuole private non paritarie invitano i genitori esercenti la responsabilita’ genitoriale, i tutori o i soggetti affidatari dei minori indicati nei suddetti elenchi a depositare, entro il 10 luglio, la documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni ovvero l’esonero, l’omissione o il differimento delle stesse.
  • Per i servizi educativi per l’infanzia e per le scuole dell’infanzia la mancata presentazione della documentazione comporta la decadenza dall’iscrizione.

 

Articoli correlati

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Articoli correlati
Non sono stati trovati articoli correlati
News recenti

Riconoscimento utente

Esegui il login per scaricare il materiale riservato