FASCE DI COMPLESSITÀ – PRIMO INCONTRO SUI CRITERI

FASCE DI COMPLESSITÀ – PRIMO INCONTRO SUI CRITERI

Si è svolto ieri l’incontro tra la Direzione del Personale e le Organizzazioni sindacali rappresentative nell’Area Istruzione e Ricerca,  avente per oggetto: “disamina fasce di complessità”.
Come noto il CCNL – Area Istruzione e Ricerca 2016/18 ha riportato a livello centrale la contrattazione relativa alla retribuzione di posizione parte variabile; ciò al fine di evitare le disparità retributive  tra i dirigenti delle diverse regioni italiane, come derivanti dall’applicazione dei CIR regionali e dalla ripartizione ed implementazione  del FUN a livello decentrato.

L’incontro è stato gestito dal Dott. Filippo Serra che, in via preliminare, ha ripreso la bozza dei criteri che è stata inviata ad horas alle organizzazioni sindacali, riconoscendone per primo i tempi ristretti per la disamina della stessa.

DIRIGENTISCUOLA è intervenuta apprezzando l’impianto oggettivo della bozza contenente i criteri ed  evidenziando la necessità di valorizzare la complessità delle scuole piuttosto che la dimensione.
È nota del resto la battaglia che DIRIGENTISCUOLA ha intrapreso per l’applicazione della Legge finanziaria che ha abbassato  per l’anno in corso il tetto di alunni necessario  per l’autonomia della scuola da 600 a 500. Norma che è rimasta inapplicata ed ha determinato le attuali 1000 reggenze, impedendo anche l’utilizzo di non pochi posti per la mobilità interregionale.

Valorizzare con punteggi alti la numerosità degli alunni,  ha sottolineato DIRIGENTISCUOLA, sembra un controsenso: sarebbe, piuttosto, necessario puntare alla complessità derivante dalla gestione di laboratori, di mense scolastiche, di gestioni separate, di sedi staccate, di plessi su più comuni, oltre che scuole montane e piccole isole.

DIRIGENTISCUOLA si è riservata di analizzare bene la bozza con i criteri indicati ed  avanzare proposte al prossimo incontro già fissato per mercoledì della prossima settimana  alle ore 11.

Sebbene  l’argomento non fosse esplicitamente all’odg  anche se  convergente con esso, DIRIGENTISCUOLA ha sottolineato  la necessità che l’Amministrazione  assuma l’impegno a  reperire i fondi   per  garantire l’attuale retribuzione ed evitare restituzioni di sorta, ribadendo, infine,  che una soluzione al problema  potrebbe venire con il prossimo CCNL, a patto che si giunga alla perequazione delle posizioni variabili con quella degli altri dirigenti di pari fascia.

Unanimemente condivisa al tavolo anche l’utilità di disporre di dati aggiornati sulla situazione delle scuole, come attualmente distribuite nelle fasce di complessità per operare, nei limiti del possibile, una proiezione applicando i nuovi criteri non appena si definiranno nel dettaglio.

 

Articoli correlati

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Articoli correlati
Non sono stati trovati articoli correlati
News recenti

Riconoscimento utente

Esegui il login per scaricare il materiale riservato