Un sollievo, se pur lieve, giunge ai dirigenti scolastici dall’ordinanza della Corte di cassazione, n. 7320 del 14 marzo u.s., che rigetta  un ricorso di un (o una) docente in regime di “part-time” verticale. L’ordinanza offre indicazioni operative  utili ai dirigenti e respinge in toto anche  le accuse di condotta “vessatoria, ritorsiva e mobbizzante” rivolte al dirigente scolastico  che aveva sanzionato il docente.

Documenti correlati

  • Comunicato DIRIGENTISCUOLA