Quasi quotidianamente DIRIGENTISCUOLA, al fine di tutelare la categoria,  è costretta a segnalare al MIUR, chiedendo interventi, problemi che rendono sempre più difficile la gestione delle scuole.

Prendiamo atto, e continuiamo a denunciarlo quotidianamente,  che alcuni dirigenti del MIUR non conoscono la scuola reale; sono in tutt’altre faccende affaccendati e non hanno contezza delle difficoltà che hanno i dirigenti scolastici nella gestione delle istituzioni scolastiche.

Nella sola  giornata odierna DIRIGENTISCUOLA  ha dovuto segnalare ben  due criticità:

1- Difficoltà a garantire, in molte scuole, la fine degli esami di stato del I ciclo, entro il 30 giugno, a causa della prevista presenza dell’insegnante di religione in tutte le classi. Il tutto nonostante la religione non è materia d’esame. 

2- REGOLAMENTO EUROPEO SULLA PROTEZIONE DEI DATI (GDPR ). Scadenza 25 MAGGIO.  A fronte di una mole di adempimenti il MIUR ad oggi non ha ancora fornito alcuna indicazione operativa che possa in qualche maniera supportare le istituzioni scolastiche in questa delicata fase di implementazione del nuovo regolamento. 

In allegato i due documenti inviati al MIUR